La caratura del diamante

carati diamante

Quando si sente parlare di caratura del diamante, a volte i meno esperti possono confondere i Carati del diamante con i Karati dell’oro.
Continua a leggere per scoprire la differenza tra queste due parole solo in apparenza sinomini.

Il Carato è una unità di misura del peso equivalente a 1/5 di grammo (0,2 grammi) ed è il modo di misurare le dimensioni di un diamante.
Il nome Carato deriva dalla parola greca ker´tion, il frutto del carrubo. Si stima infatti che i suoi semi siano indicativamente tutti uguali, e pesino all’incirca 0,2 grammi. Il carato esprime quindi le dimensioni del diamante. 

Il Karato, invece, fa riferimento alla percentuale di oro puro presente nella lega metallica di un oggetto.

ATTENZIONE! Quando leggete le caratteristiche di un gioiello, dovete quindi fare attenzione a non confondervi, perchè facilmente troverete entrambi i termini all’interno delle descrizioni.

Ad esempio, tutti i nostri anelli solitario riportano nella scheda la caratura della pietra espressa in carati (Ct), mentre viene specificato che le montature sono realizzate in oro 18 Karati.

Qui di seguito trovi una tabella che indica le dimensioni approssimative di un diamante secondo la sua caratura.

tabella caratura diamante in base alla dimesnsione

Come la caratura del diamante influisce sulle fasce di prezzo

La caratura del diamante paragonata ad una mano
Una guida delle dimensioni dei diamanti secondo la loro caratura. Clicca sulla foto per ingrandire

Il prezzo di un diamante non sale in modo proporzionale rispetto alla caratura, perché più grandi sono le sue dimensioni e più questo sarà raro e desiderato. Ci sono inoltre degli incrementi netti di prezzo superata la cifra intera.

Per esempio, un diamante di 0,99 carati può avere un prezzo significativamente più basso di uno di 1,01 carati a causa della maggior domanda. Del resto, basti pensare che effetto farebbe regalare un diamante di “quasi un carato” o uno che è “più di un carato”…

Esiste poi lo scalino di prezzo del mezzo carato. Ad esempio, un diamante di 0,47 carati ed uno di 0,48 di identica qualità possono avere quasi lo stesso valore commerciale, mentre fra un diamante da 0,49 e uno da 0,50 carati possono esserci anche duemila euro di differenza, perché appunto di fasce di prezzo diversa.

Il Rapaport

Le fasce di prezzo sono determinate a cadenza settimanale da Martin Rapaport, l’Amministratore Delegato del Gruppo Rapaport di New York, nel Rapaport Diamond Report: è il listino prezzi considerato ormai lo standard de facto per la valutazione di diamanti da gioiellieri e commercianti in preziosi. È costituito da una tabella che riporta le quotazioni di diamanti incolori classificate secondo quelle che sono dette le 4C del diamante: Colore, Taglio (in inglese: Cut), Purezza (in inglese: Clarity). Nei prossimi appuntamenti di Valutare e investire in Diamanti vedremo in modo approfondito questi aspetti.

Diamantiegioielli.it ha prezzi aggiornati basati sul Rapaport in modo da poter garantire il prezzo migliore sul mercato.

9 Condivisioni
Marco Calandrini
Marco Calandrini

Maestro orafo 39enne, titolare e gestore del laboratorio di gioielleria e oreficeria Calandrini, negozio storico di Pesaro.
Figlio d'arte, Marco è nel settore da 20 anni, con qualifiche di Maestro d'arte, con specializzazione in Oreficeria e metalli preziosi.